domenica 2 novembre 2014

Novembre



NOVEMBRE

Gemmea l'aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l'odorino amaro
senti nel cuore...


Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. E' l'estate
fredda, dei morti.

G. Pascoli


L'immagine di una giornata soleggiata... nel mese di novembre... durante la cosiddetta "estate di S. Martino". Una bella giornata autunnale... la luce del sole e l'aria limpida... danno per un istante... l'illusione che sia primavera. Ma subito ci si rende conto che le piante sono secche e spoglie... che tutto intorno è vuoto è silenzio e silenzio... non ci sono i rumori gioiosi della vita La dolcezza dell'infanzia e della giovinezza dura poco e presto si rivela essere un'illusione. Sulla vita dell'uomo incombono tristezza... silenzio e morte.

8 commenti:

  1. Cara Raffaella, qui novembre ci ha fatto capire che siamo entrati nell'inverno, direi quasi anticipato.
    Bella veramente la poesia di G. Pascoli.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Da noi a Bari,i primi giorni di novembre ci stanno donando splendide giornate soleggiate. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Novembre è un mese di passaggio. Tra la fine dell'estate e un autunno pieno. Ottima riflessione, la tua.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con il commento che mi ha preceduto.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  5. ciao raffaella, grazie mille per il tuo commento al mio blog, sei sempre gentilissima, ti abbraccio lory

    RispondiElimina
  6. Pascoli è uno dei miei poeti preferiti e questa bella poesia l'ho proposta tante volte a scuola
    ai bambini di quarta o quinta...sempre bella!

    RispondiElimina

Benvenuto/a nel mio angolo.... grazie per la tua presenza e per il tuo apporto.